Sanofi-aventis
Triatec HCT 5 mg + 25 mg 14 compresse
Farmaco di fascia A
4,63 €

prezzo indicativo*

+ Io lo Consiglio

Clicca per dirlo a tutti

0

Persone lo consigliano

« torna alla scheda del farmaco

Effetti collaterali

CARDIACI: non comuni: ischemia miocardica quale angina pectoris, tachicardia, aritmia, palpitazioni, edema periferico. Frequenza non nota: infarto del miocardio. EMOLINFOPOIETICI: non comuni: diminuzione del numero di globuli bianchi, diminuzione del numero di globuli rossi, diminuzione della concentrazione di emoglobina, anemia emolitica, diminuzione del numero delle piastrine. Frequenza non nota: depressione del midollo osseo, neutropenia con agranulocitosi, pancitopenia, eosinofilia, emoconcentrazione nel contesto della deplezione di fluidi. NERVOSI: comuni: cefalea, capogiri. Non comuni: vertigini, parestesia, tremore, disordini dell'equilibrio, sensazione di bruciore, disgeusia, ageusia. Frequenza non nota: ischemia cerebrale quale ictus ischemico e attacco ischemico transitorio, alterazioni delle capacità psicomotorie, parosmia. OCULARI: non comuni: disturbi della vista inclusa visione offuscata, congiuntivite. Frequenza non nota: xantopsia, lacrimazione diminuita dovuta a idroclorotiazide. OTOLOGICI: non comuni: tinnito. Frequenza non nota: danni all'udito. RESPIRATORI: comuni: tosse secca non produttiva, bronchite. Non comuni: sinusite, dispnea, congestione nasale. Frequenza non nota: broncospasmo con aggravamento dell'asma, alveolite allergica, edema polmonare non cardiogeno dovuto a idroclorotiazide. GASTROINTESTINALI: non comuni: infiammazione gastrointestinale, disturbi della digestione, disturbi addominali, dispepsia, gastrite, nausea, stipsi. Gengivite dovuta a idroclorotiazide. Molto rari: vomito, stomatite aftosa, glossite, diarrea, dolore nella parte alta dell'addome, secchezza delle fauci. Frequenza non nota: pancreatite (con gli ACE inibitori sono stati riportati molto eccezionalmente casi ad esito fatale), aumento degli enzimi pancreatici, epatici, angioedema del piccolo intestino. Scialoadenite dovuta a idroclorotiazide. RENALI: non comuni: danno renale quale insufficienza renale acuta, aumento della produzione di urine, aumento dell'azotemia, aumento della creatininemia. Frequenza non nota: peggioramento di proteinuria preesistente. Nefrite interstiziale dovuta a idroclorotiazide. CUTANEI: non comuni: angioedema: in casi veramente eccezionali, l'ostruzione delle vie aeree dovuta all'angioedema può avere esito fatale; dermatite psoriasiforme, iperidrosi, rash, in particolare maculo-papulare, prurito, alopecia. Frequenza non nota: necrolisi epidermica tossica, sindrome di Stevens-Johnson, eritema multiforme, pemfigo, aggravamento della psoriasi, dermatite esfoliativa, reazioni di fotosensibilizzazione, onicolisi, esantema o enantema pemfigoide o lichenoide, orticaria. Lupus eritematoso sistemico dovuto a idroclorotiazide. MUSCOLOSCHELETRICI: non comuni: mialgia. Frequenza non nota: artralgia, spasmi muscolari, debolezza muscolare, rigidità muscoloscheletrica, tetania dovuta a idroclorotiazide. METABOLICI: comuni: inadeguato controllo del diabete mellito, diminuita tolleranza al glucosio, aumento della glicemia, aumento dell'uricemia, aggravamento della gotta, aumento del colesterolo e/o dei trigliceridi nel sangue dovuti a idroclorotiazide. Non comuni: anoressia, diminuzione dell'appetito. Diminuzione della kaliemia, sete dovuti a idroclorotiazide. Molto rari: aumento della kaliemia dovuta a ramipril. Frequenza non nota: diminuzione della sodiemia. Glicosuria, alcalosi metabolica, ipocloremia, ipomagnesemia, ipercalcemia, disidratazione dovuta a idroclorotiazide. VASCOLARI: non comuni: ipotensione, ipotensione ortostatica, sincope, vampate. Frequenza non nota: trombosi nel contesto di una grave deplezione di fluidi, stenosi vascolare, ipoperfusione, fenomeno di Raynaud, vasculite. SISTEMICI: comuni: affaticamento, astenia. Non comuni: dolore al petto, piressia. IMMUNITARI: frequenza non nota: reazioni anafilattiche o anafilattoidi a ramipril oppure reazioni anafilattiche a idroclorotiazide, aumento degli anticorpi antinucleo. EPATOBILIARI: non comuni: epatite colestatica o citolitica (l'esito fatale è stato




Pos obbligatorio per i medici: facciamo un po’ di chiarezza

Dal 30 giugno 2014 tutti i soggetti che effettuano attività di vendita di prodotti e/o prestazione di servizi, quindi anche medici e professionisti san...

Leggi tutto
Pubblicità

Se fai una professione o hai un prodotto/servizio che può migliorare la salute o la vita dei nostri utenti non vediamo l'ora di farvi incontrare.              Parliamone.

Clicca qui